La politica tra la gente

Riportare la politica tra la gente. Sembra ovvio, ma non è facile. Tutti lamentano la distanza, tutti dicono che c’è bisogno di nuovo, ma pochi si rendono conto di cosa significhi davvero e di quanto sia difficile provarci.

Quando mi hanno proposto di candidarmi ho detto di no per settimane. Rifiutavo per due ragioni. La prima è che ho un lavoro e una vita privata che mi assomigliano e che amo, decidere di metterli in gioco non è stato facile. La seconda è per senso di responsabilità: Urbino e l’entroterra della nostra provincia devono essere uniti per tornare protagonisti della politica regionale e i candidati devono essere adeguati a rappresentarli. Alla fine ho accettato per le stesse due ragioni. Ho pensato che proprio gli scrupoli che mi stavo facendo fossero la novità di cui c’era bisogno.

Ho pensato che se le persone non si impegnano in politica quando hanno l’opportunità di farlo non possono lamentarsi se le cose non cambiano.

Io ci sto mettendo il mio impegno e sto conducendo un esperimento entusiasmante di cui sono molto grata al PD: sono candidata per un grande partito nei cui valori fondanti mi sono sempre riconosciuta e al tempo stesso sono libera da ogni incrostazione del passato e conduco una campagna elettorale fuori da qualsiasi schema.

Ho scelto come slogan “ripartiamo da qui” e ho iniziato a girare il territorio con un puntatore di cartone alla ricerca dell’orgoglio delle persone. Ogni luogo è un punto di interesse per chi lo vive. In questi mesi ho fatto mio l’orgoglio di tutte le persone che ho incontrato e ho cercato di trasmetterlo agli altri con dei brevi video che ho pubblicato senza simboli politici proprio per permettere a tutti di riconoscercisi. Con questo bagaglio di orgoglio condiviso, che si somma al mio amore per Urbino e per le nostre colline, intendo rappresentare il territorio in Regione.

Cerco ogni occasione di confronto con le persone, nei bar, per strada, in internet. Pensavo che fosse normale, ma siamo in pochissimi a farlo. Sono tra i pochi candidati che rispondono agli appelli lanciati in rete, per il digitale, per la famiglia, per la legalità. Sono tra i pochi candidati che organizzano incontri a tema per ascoltare prima di parlare. Sono tra i pochi che non fanno promesse elettorali. Sono tra i pochi che non fanno attacchi personali.

Ho fatto uno spot contro l’astensionismo. Anche in questo caso pensavo che fosse normale, ma ha fatto notizia ed è stato rilanciato dalle agenzie di stampa e da molti giornali. L’astensionismo fa il gioco della peggiore politica. Non c’è un vero interesse a colmare la distanza tra la politica e le persone. A me interessa!

Ma per cambiare le cose non bastano candidati nuovi e puliti, servono migliaia di persone che li votino, possibilmente fuori da ogni schema!

Ecco come si vota:

Fac simile scheda

Condividi questa pagina
Posted in Diario, News, Personale, Temi and tagged , , , , , , , , , , , .